BandaMusicale.it - Home BandaMusicale.it
   Iscrizioni  |  Modifica dati  |  Segnala Evento     Domande Frequenti  |  Pubblicità  |  Chi siamo  |  Contatti  
   Home -> CD di musica per banda -> Realizzare un CD della propria banda - pag. 3  
Bande Musicali

· Tutte le 2392 Bande italiane iscritte

· Tutte le Bande estere iscritte

· Iscrivi la tua banda: è GRATIS

 
Eventi

· Concerti
· Corsi
·
Concorsi/Festival
· Convegni
· Gemellaggi
·
Raduni
· Sfilate

· Segnala un Evento

 
Servizi
· Associazioni
Musicali

·
Legislazione in tema di Bande
· Realizzare un CD della propria banda
 
Editoria

· Catalogo generale di musica per Banda
· CD di musica per banda
· Brani scaricabili gratuitamente
· Case editrici di musica per banda


 
Legislazione News
· Legge n. 311 del 30 dicembre 2004
· DECRETO MINISTERIALE 12 NOVEMBRE 2004, PROT. N. 109 / 2004

Realizzare un CD della propria banda
(pag. 3)

Tecnica di ripresa

Schema 1
Schema 1

La tecnica che utilizzeremo si chiama XY quasi coincidente (nel particolare ORTF).
Per cominciare, avvitare l'adattatore stereo sull'asta e montarvi i due microfoni cardioidi.
Cablate i microfoni alla scheda.
Angolare i microfoni di circa 110° e distanziarli di 17 cm (v. schema 1).

Schema 2
Schema 2
Posizionare l'asta a circa 3 -5 metri dalla banda, dietro al direttore.
Inclinate i microfoni verso il basso in maniera che, quando l'asta è sollevata, siano puntati verso l'orchestra. Sollevate quindi l'asta microfonica di 2-3 metri (v. schema 2).
Adesso non vi resta che regolare i livelli, registrare e riascoltare il risultato con i monitor (casse) o con le cuffie per trovare la giusta regolazione.


Criteri per modificare il posizionamento dei microfoni.
L'angolo tra i 2 microfoni e la distanza tra le due capsule crea l'estensione stereo della registrazione (maggiore è il valore, maggiore sarà l'apertura stereofonica). Come posizione iniziale i due microfoni dovrebbero essere puntati (circa!) verso le due estremità dell'orchestra.
- Se gli strumenti vi sembrano tutti troppo posizionati nel centro (nell'ascolto stereofonico con due monitor o con le cuffie) e l'estensione dell'orchestra ridotta, aumentate l'angolo e/o la distanza dei microfoni. Aumentate l'angolo anche per "ammorbidire" gli strumenti centrali.
- Viceversa, se l'estensione stereo risulta troppo estesa e gli strumenti troppo distanziati tra loro, diminuite i valori. Diminuire l'angolo dei microfoni anche se si avverte un "vuoto nel mezzo", cioè se gli strumenti centrali risultano "smorti" .

La distanza dei microfoni dall'orchestra influenza la quantità di ambiente (riverbero) nella registrazione. Avvicinate i microfoni se volete un suono più presente e meno riverbero, oppure allontanateli se il suono vi sembra troppo aspro e presente.

L'altezza dei microfoni dal pavimento fa sì che gli strumenti delle prime file non risultino troppo alti.

Ripresa A-B ( microfoni distanziati)
Schema 2
Schema 3
Potete provare anche questo tipo di ripresa, disponendo i microfoni di fronte all'orchestra e distanziandoli di circa 1-2 metri (v. schema 3). Le registrazioni effettuate con questa tecnica sembrano essere meno definite (immagine sfuocata) e la separazione stereofonica esagerata. Il suono però risulta molto "caldo".

Alcuni consigli
- Sede di registrazione: ovviamente l'ambiente dove si registra è fondamentale per il risultato finale. Un auditorium o una sala da concerto è da preferirsi a una palestra. Il tempo di riverbero inoltre deve essere adeguato a ciò che si registra: ambienti con tempi di riverbero lunghi (per esempio chiese) sono inadatti per strumenti ritmici, e adatti invece a suoni con l'attacco più dolce (coro, organo, orchestra d'archi). Si può anche registrare in una sala con poco ambiente (per esempio trattata con materiale fonoassorbente) e in seguito aggiungere riverbero artificialmente (molti software musicali hanno questa possibilità).
- Regolazione dei livelli: prima di effettuare la registrazione, regolate i livelli in base al momento musicale con maggiore intensità. Un livello di registrazione sbagliato può portare a distorsioni o ad un alto rumore di fondo nella registrazione.
- Posizionamento dei microfoni: fate molte prove di posizioni e non fermatevi alla prima installazione per trovare la posizione ottimale.
- Confrontare la vostra registrazione con registrazioni professionali per avere un metro di paragone.
Per attenuare rumori di fondo (dovuti ad impianti di aria condizionata, traffico, ecc...) usate sulla registrazione un filtro passa alto (i software audio spesso sono dotati di equalizzatori) con taglio di 40-80 Hz.
- Controfase: la controfase può essere dovuta al fatto che i due microfoni registrano la stessa fonte sonora a due distanze diverse (in particolare nella tecnica A-B). Riascoltate la registrazione in "mono" per verificare che alcune frequenze non vengano cancellate.
- Riascolto: riascoltate le vostre registrazioni non solo con le cuffie, ma su vari impianti con tipologie diverse (alcuni difetti possono emergere su alcuni impianti e non su altri).
- Editing: se avete abbastanza pratica con i software musicali potete registrare più esecuzioni dello stesso brano e in seguito creare un montaggio scegliendo le sezioni migliori.


Indirizzi Utili
· Vendita strumenti musicali e accessori
· Assistenza strumenti musicali
· Registrazioni e supporti audio
· Abbigliamento
· Informatica
· Libri, CD, software, ecc.
· Strutture ricettive
· Merchandising
 
· Pubblicità su BandaMusicale.it

 · Collega il tuo sito a BandaMusicale.it
 
· Problemi? Consulta la sezione Domande Frequenti

IndietroTorna su
BM.it è un sito della "Naracauli" - Partita IVA 03286820927 - Tutti i diritti sono riservati